Nuova registrazione
Dati di accesso persi?
11/03/2016
  UNI EN ISO 9001:2015
05/01/2012
  Etichettatura alimentare: in Gazzetta il nuovo regolamento europeo sulla sicurezza
04/01/2012
  Incentivi alle imprese per la sicurezza sul lavoro
04/01/2012
  BRC Global Standard for Food Safety Versione 6.
04/01/2012
  Globalgap Standard Versione 4.0
04/01/2012
  EURO&MED FOOD 2012
31/07/2009
  Obbligo Marcatura CE per i serramenti
29/05/2009
  Corsi On-Line
26/03/2009
  Il nostro canale TV
08/02/2009
  Manuale EA 28
30/12/2008
  UNI EN ISO 9001:2008. Qualita' ed organizzazione
27/10/2008
  Collaborazione Telefoggia
07/09/2008
  Collaborazione Telefoggia
26/01/2008
  Comunicato del Garante della Privacy in merito alle semplificazioni proposte dal Governo - mercoled 26 settembre 2007
26/01/2008
  ISO 9001:2008 - Aggiornamento sulla revisione della norma ISO 9001:2008
Rintracciabilità di filiera - ISO 22005
La norma ISO 22005 “Traceability in the feed and food chain – General principles and basic requirements for system design and implementation” recepisce le norme italiane UNI 10939:01 - “Sistema di rintracciabilità nelle filiere agroalimentari” e UNI 11020:02 - “Sistema di rintracciabilità nelle aziende agroalimentari”.
La ISO 22005 si applica a tutto il settore agroalimentare, comprese le produzioni mangimistiche, e rappresenta oggi la norma di riferimento per la certificazione di sistemi di tracciabilità nel settore agroalimentare. Essa è una norma internazionale che omogeneizza le conoscenze sulla rintracciabilità volontaria e le rende uguali in tutto il mondo.
L’implementazione di sistemi di rintracciabilità nelle aziende e nelle filiere agroalimentari costituisce uno strumento indispensabile non solo per rispondere agli obblighi cogenti, ma anche per valorizzare particolari caratteristiche di prodotto, quali l’origine/territorialità e le caratteristiche peculiari degli ingredienti, e per soddisfare le aspettative del cliente inteso sia come GDO, sia come consumatore finale. Il solo sistema di rintracciabilità non è in grado di garantire la sicurezza del prodotto alimentare, ma può sicuramente dare un importante contributo al raggiungimento di tale obiettivo.
Infatti, qualora si manifesti una non conformità di tipo igienico-sanitario, consente da un lato di risalire fino al punto della filiera in cui si è originato il problema, dall’altro di procedere - se necessario - con il ritiro “mirato” del prodotto.

Obiettivi e Vantaggi
La certificazione di rintracciabilità della filiera agroalimentare rende maggiormente visibili e affidabili i processi aziendali e consente di comunicare fiducia e responsabilità ai consumatori.
I principali obiettivi sono:

  • supportare gli obiettivi di qualità o sicurezza del settore agroalimentare;
  • rispondere alle richieste esplicite del consumatore;
  • definire la storia e l’origine del prodotto;
  • facilitare eventuali ritiri o richiami dei prodotti commercializzati;
  • identificare le responsabilità di ciascun operatore della filiera;
  • facilitare il controllo di specifiche informazioni che riguardano il prodotto agroalimentare;
  • comunicare specifiche informazioni ai maggiori stakeholder e ai consumatori;
  • adempiere ad eventuali obblighi imposti da normativa locale, nazionale o internazionale;
  • aumentare il rendimento, la produttività e i guadagni dell’organizzazione.

 

Contenuti principali
La ISO 22005 richiede che, per la progettazione e la realizzazione di un sistema di rintracciabilità, vengano considerati i seguenti aspetti:
  • obiettivi;
  • normativa e documenti applicabili al sistema di rintracciabilità;
  • prodotti e/o ingredienti;
  • posizione di ciascuna organizzazione nella filiera;
  • flussi di materiali;
  • informazioni che devono essere gestite;
  • procedure;
  • documentazione;
  • modalità di gestione della filiera.
Le principali novità che introduce la ISO 22005 rispetto alle superate norme UNI 10939 e UNI 11020 sono:
  • richiami alle definizioni della norma ISO 9000 “Sistemi di gestione per la qualità - Fondamenti e vocabolario” e della norma ISO 22000 “Sistemi di gestione per la sicurezza alimentare - Requisiti per ogni organizzazione della filiera alimentare”;
  • definizione dei principi, degli obiettivi del sistema di rintracciabilità e modalità di considerazione degli stessi nelle fasi di progettazione del sistema;
  • individuazione delle prescrizioni legislative che devono essere considerate nella progettazione del sistema;
  • definizione di una politica dell’organizzazione che includa gli impegni sulla rintracciabilità;
  • richiamo specifico agli elementi che devono essere considerati in procedure obbligatorie;
  • definizione dei requisiti della documentazione con richiami alla norma ISO 22000:2005;
  • necessità di definizione di indicatori di performance per la valutazione dell’efficacia del sistema di tracciabilità;
  • effettuazione di un riesame periodico del sistema di rintracciabilità con indicazione degli elementi minimi in ingresso.
 
 
Copyright © 2008, NETWORK CONSULTING ITALIA - Foggia